Month: April 2019

Congelamento – un modo sano di immagazzinare il cibo

No Comments

Congelamento - un modo sano di immagazzinare il ciboIl congelamento è un buon modo per conservare frutta e verdura. Il congelamento ritarda il deterioramento dei prodotti e, grazie alla riduzione dell’attività di alcuni enzimi, impedisce la proliferazione di microrganismi nocivi. Inoltre, gli alimenti surgelati sono sani, perché il congelamento non toglie i valori nutrizionali.

La ricerca mostra che il congelamento rallenta il deterioramento dei prodotti e impedisce la cstassisi.it moltiplicazione dei microrganismi riducendo l’attività di alcuni enzimi.

L’acqua contenuta nei prodotti, il congelamento, diventa irraggiungibile per i batteri che ne hanno bisogno nei loro processi metabolici. A causa della bassa temperatura, i processi di rancidità che si verificano ad una temperatura superiore a-180C sono inibiti. Tuttavia, la maggior parte dei microrganismi (tranne i parassiti) sperimentano il congelamento . Pertanto, si deve prestare attenzione sia al congelamento che allo sbrinamento del prodotto. Il congelamento è conveniente, e allo stesso tempo consente più di, ad esempio, zuccheraggio, salatura o marinatura per mantenere il valore nutrizionale vicino ai prodotti freschi e consente l’eliminazione dei conservanti.

Il congelamento è un vecchio modo di conservare il ciboIl congelamento è un vecchio modo di conservare il cibo

Cibo fresco, facile da cucinare, nutriente e gustoso surgelato ideale per lo stile di vita moderno. La loro storia, tuttavia, è molto più lunga di quanto possiamo supporre. L’uso del freddo per lo stoccaggio di prodotti alimentari risale ai tempi preistorici, quando le persone usavano neve e ghiaccio per immagazzinare le loro prede.

Il ghiaccio per lo stoccaggio degli alimenti era già usato dai cinesi 1000 anni prima di Cristo ghiaccio in cantine isolate, e gli Egiziani hanno scoperto un modo per produrre ghiaccio in vasi con acqua. La storia degli alimenti surgelati nella forma che conosciamo oggi è iniziata negli anni trenta negli Stati Uniti, quando Clarence Birdseye ha inventato una tecnologia adatta a questo. Beh, quando nel 1912 ha pescato pesce nella penisola del Labrador, ha scoperto che i pesci congelati rimossi dall’acqua non perdono il loro gusto anche quando sono scongelati pochi mesi dopo. Questa esperienza gli ha insegnato che il processo di congelamento deve essere effettuato rapidamente in modo che il cibo non perda il suo valore. Nel 1930, dopo anni di prove, introdusse cibo congelato al mercato. Tuttavia, era molto lontano da questa invenzione alla loro vera popolarità. I costi di investimento nei congelatori si sono rivelati un ostacolo importante. La storia e ‘ venuta ad aiutare. Inaspettatamente per tutti, la Seconda Guerra Mondiale e i giapponesi che tagliavano l’accesso alle fonti di stagno hanno fatto passare i produttori americani dal cibo in scatola a quello che utilizza altri imballaggi meno strategici per il paese. Ha aperto la porta agli alimenti surgelati confezionati in scatole, carta cerata e cellofano.

Congelamento-come congelare industrialmente?Congelamento-come congelare industrialmente?

In primo luogo, le verdure e la frutta vengono raccolte, selezionate in termini di qualità.

Poi vengono lavati, tagliati.

La fase successiva è la scottatura (questo è il processo che precede il congelamento, consistente in un breve periodo, della durata di diversi minuti, riscaldando le verdure a 85-1000C). La scottatura blocca l’azione degli enzimi tissutali, impedendo cambiamenti nel colore e nel gusto delle verdure congelate. Inoltre, i microrganismi vengono distrutti. La scottatura è fatta di verdure a foglia, piselli, fagioli, asparagi, mais, cavolfiore e broccoli. Non è necessario nel caso, ad esempio, di carote, peperoni, frutta, cipolle, aglio e prezzemolo. Inoltre, la scottatura significa che, dopo lo scongelamento, i piatti vengono preparati in tempi più brevi, e le verdure sono leggermente dure, come se fossero preparate a vapore.

Alla fine, le verdure sono surgelate molto velocemente. Questo avviene in uno speciale tunnel di congelamento in un flusso di aria molto fredda. A causa del fatto che sono congelati quasi in volo, non si attaccano e mantengono il loro aspetto naturale, e soprattutto, molte proprietà nutrizionali.

La durata degli alimenti congelati si ottiene applicando una temperatura inferiore a-180C.

Categories: Uncategorized

Antinfiammatorio, veleno per alcuni reni: scopri perché

No Comments

Antinfiammatorio, veleno per alcuni reni: scopri perchéFarmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) come l’ibuprofene o aspirina, sono alcuni dei più comuni farmaci usati per alleviare tutti i tipi di dolore, in particolare articolare causato da osteoartrite, ma può essere “molto tossico per i reni e sistema cardiovascolare “in pazienti con patologia renale e ipertensione, o in pazienti fragili, fondamentalmente persone anziane

Così dice il Dr. Fernando Simal, vocale Nefrologia Clinica Consiglio della Società Spagnola di Nefrologia (SEN) notare che ci sono più di quattro milioni di persone con un problema di insufficienza renale in Spagna, e ogni anno circa 6.000 pazienti in progressione il peggioramento della sua malattia fino a che necessitano di una terapia renale sostitutiva: emodialisi, la dialisi peritoneale o il trapianto di rene.

Il problema è che si tratta di una condizione che è spesso nascosto, che le persone non sanno di averlo e con l’aumentare dell’età della popolazione troviamo una prevalenza altísisma tra la popolazione.

E questo aumento tra la popolazione anziana è associato alla maggiore frequenza di alcune https://www.truuconfessions.com/idealica/ malattie come il diabete, l’ipertensione arteriosa o altre complicazioni come l’obesità .

Secondo il SEN, nella popolazione oltre i 65 anni la sua frequenza può essere aumentata fino al 25%. In Spagna, la prevalenza della malattia renale è del 23% nei pazienti di età superiore a 64 anni e del 40% nelle persone di età superiore agli 80 anni.

Fino a quando non è molto avanzato sintomi: caviglie o gambe gonfie, a volte poco urina, lo stress è male, e più tipicamente sono prurito per il corpo, perché l’urea che si accumula nel sangue viene rimosso dal sudore e se ne va come un deposito, come una brina sulla pelle che produce prurito.

E in uno stadio molto avanzato di urea così in alto produce anche come vomito e se ulteriori progressi, va in coma e il paziente può morire per coma uremico, che è una morte dolce rispetto ad altri perché si ottiene come se dormisse.

Antinfiammatori

Tornando ai farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), lo specialista spiega che può essere tossico per il rene in due modi, uno che produce una ferita cronica in strutture renali e dall’altro perché  inibiscono la produzione o n di alcune sostanze coinvolte nel meccanismo dolore, come le prostaglandine.Antinfiammatori

Ma queste sostanze anche é n implicati nel mantenimento adeguato flusso di sangue al trav é s ri NO n, e se il suo effetto viene diminuita, l’irrigazione è difficile per il corpo alla fine alterare il funzionamento.”Ad esempio, se perdi due litri di sangue, non ti viene il capogiro, ma il rene soffre rapidamente, in quanto è molto sensibile alle perdite di volume del sangue, e quindi inizia rapidamente a funzionare male”.

Ci sono paesi come la Nuova Zelanda e l’Australia , dove la causa principale dell’insufficienza renale e della dialisi è l’alto consumo di antinfiammatori non steroidei.

Anche il direttore medico della Fondazione Renal Iñigo Álvarez de Toledo , il nefrologo Roberto Martín, concorda sul fatto che questi farmaci sono “velenosi” per i pazienti che hanno un certo grado di insufficienza renale o per i pazienti fragili, fondamentalmente gli anziani.

La regola generale che tutti conoscono perché hanno sentito mille volte non è l’automedicazione, ma è molto facile da dire e molto difficile da rispettare, dice questo specialista che ricorda che una volta l’insufficienza renale ha portato alla morte ma ora i trapianti e la dialisi consentono ai pazienti vivere molti anni

Quest’anno, il World Kidney Day, che è stato celebrato il 9 marzo, sarà dedicato alla lotta all’obesità e alla promozione della vita attiva, perché l’obesità è anche strettamente correlata alla malattia renale.

Costo sanitarioCosto sanitario

Secondo il SEN , in tutto il mondo la malattia renale è un’epidemia che colpisce il 10% della popolazione e con una forte connessione al diabete e alle malattie cardiovascolari: il 50% dei pazienti con queste malattie soffre anche di malattia renale cronica .

Allo stesso modo, si stima che circa il 25% dei pazienti affetti trascuri la propria patologia nelle prime fasi dello sviluppo, il che rende più complicata la cura della malattia, influisce negativamente sulla qualità della vita del paziente e ne aumenta i costi.

Secondo la stessa fonte, il costo medio per paziente per il trattamento sostitutivo renale è 6 volte superiore a quello del trattamento per l’HIV e 24 volte superiore rispetto alla BPCO e all’asma.

 

Categories: Uncategorized